Castello di Lazise

Punti d'Interesse

Le prime notizie su Lazise risalgono al periodo tra l'888 e il 961 in cui il centro fu "villa libera", cioè paese non soggetto ad alcun feudatario, grande risultato per i tempi.
Tra il 1375 e il 1381 Cansignorio della Scala rafforzò le mura che circondavano il paese, le quali erano intervallate da una ventina di torri e protette da tre porte, e costruì il castello scaligero, che apparteneva al complesso di opere difensive del territorio di Verona predisposte dai della Scala, e il porto militare.

A seguire arrivarono quattro secoli di dominazione veneziana in cui Lazise divenne il paese più importante della sponda veronese del lago e il castello fu adibito a residenza dei magistrati della Repubblica veneziana.

Durante l'occupazione asburgica, la rocca fu venduta ad un privato per una cifra irrisoria e divenne una comoda riserva di pietre per chi voleva costruirsi una casa.
Nella seconda metà dell'Ottocento il castello fu così acquistato dal conte Giovanni Battista Buri che lo restaurò e lo circondò di un meraviglioso parco, in modo tale da coniugare il fascino della natura con l'amore per il Medioevo.