Rievocazioni Storiche e Feste Popolari

Rievocazioni Storiche e Feste Popolari sul Garda Veneto

La Rievocazione di Ottone II (a Lazise)
Si tratta di una manifestazione di cui gli abitanti di Lazise vanno molto fieri perché rievoca la concessione dell’autonomia amministrativa, avvenuta nel 983 ad opera dell’Imperatore Ottone II, grazie a cui di fatto Lazise divenne “il primo Comune d’Italia”. Di solito si svolge nel mese di maggio e per un giorno tutto il paese si trasforma in un vero e proprio villaggio medievale con il coinvolgimento di centinaia di figuranti: il momento clou dell’evento è la consegna da parte di Ottone dei “privilegi” al Sindaco e agli amministratori comunali.

La Festa Medievale ad Affi
Circa a metà giugno si svolge ad Affi la cosiddetta Festa Medievale che in genere dura dal venerdì alla domenica. La manifestazione è caratterizzata da un mercato medioevale con la presenza di un’area di rievocazione storica dei mestieri del XIII secolo, cortei, spettacoli a tema, sbandieratori e stand gastronomici che ripropongono anche piatti elaborati sulla base di antiche ricette.

Il Palio delle Contrade (a Garda)
L’appuntamento, da oltre cinquant’anni, è per la sera di Ferragosto a Garda quando le nove contrade in cui è diviso il paese si sfidano su uno specchio d’acqua di 400 metri, da percorrere tre volte, con due suggestivi giri di boa da compiere vogando alla veneta, dunque in piedi, sulle caratteristiche gondole piane. Spettacolari i fuochi d’artificio che chiudono la manifestazione e illuminano a giorno il lago.

La Festa dei Santi Patroni Benigno e Caro (a Malcesine)
Si tratta di una festa folcloristica paesana, che affonda le sue radici nei tempi antichi ed è dedicata ai Patroni di Malcesine, gli eremiti Benigno e Caro che vissero tra l’VIII e il IX secolo tra le grotte del Monte Baldo a circa 800 metri di altitudine. L’appuntamento è il 26 luglio di ogni anno, giorno in cui si festeggia Snt’Anna, e in cui si ricorda la morte dei due Santi. Alla sera si sfila in processione dalla Chiesa Parrocchiale di Santo Stefano (in cui sono sepolti Benigno e Caro) alla Chiesta della Disciplina; poi tutti sul lungolago per gli spettacolari fuochi d’artificio!